«Al Di Là Delle Parole» [Beyond Words]

 

Il Pantheon, Roma: realizzato da Marco Agrippa nel 27 a. C,

Il Pantheon, Roma: realizzato da Marco Agrippa nel 27 a. C,

I

1. Non è un messaggio, un motto, o una prescrizione;

2. Non sarà un cammino per niente,

3. Né sarà un’elegia per un bardo;

4. Sarà trovato lì, … al di là del velo delle apparenze:

5. Al di là delle convenzioni del nostro mondo.

1. This is not a message, a dictum, or a prescription;

2. It will not be a road somewhere,

3. Nor will it be an elegy to a bard.

4. It will lie there, … beyond the veil of appearances:

5. Beyond the conventions of our world.

II

6. Sogneremo … ad occhi aperti

7. Ponderando qual’è la nostra origine ,

8. Se sarà davvero diverso?

9. Cosa è nel piangere di Dante Alighieri, che non è nei nostri?

10. Cosa c’è nella lingua italiana … che è diverso d’altre?

6. We will daydream … with open eyes.

7. Pondering about what is our origine?

8. If it will be really different.

9. What’s in the sob of Dante Alighieri, which is not in ours?

10. What’s in Italian language … that is unlike any other?

III 

11. Che cosa avrá l’effigie della parola che ci impedirà di vedere al di là di essa?

12. Potremmo indagare il significato delle nostre epifanie,

13. Senza la forza di un simbolo di rispetto sul suo piedistallo illusorio?

14. Cosa sará l’incertezza nei canzonieri di Giovanni Boccaccio,

15. Non sarebbe uguale alla nostra consapevolezza dell’amore … adesso?

11. What will be in the effigy of the word that will keep us from seeing beyond it?

12. Will we be able to investigate the meaning of our epiphanies,

13. Without the power of a restpectful symbol above its illusory pedestal?

14. What will be the uncertainty in the songbooks of Giovanni Boccaccio,

15. Would it not be equal to our awareness about love … now?

IV

16. Abbiamo sognato … in piedi

17. Domandandoci che cosa c’era nella ribellione di Giosuè Carducci,

18. Non era stata la stessa cosa circa le nostre … adesso?

19. E qual’era l’ignoranza di Francesco Petrarca,

20. Era diversa dalla nostra?

16. We have dreamed … standing on our feet.

17. Wondering about what was in the rebellion of Carducci,

18. Has it not been the same thing as in ours … now?

19. And was there any ignorance in Francesco Petrarca,

20. Was it different from our own? 

V

21. Potremmo vedere senza essere stati fuori dai limiti,

22. Entro i confini della realtà, priva di oggetto?

23. Sarebbe concomitante con il movimento totale della Vita?

24. Avremmo sognato … di consolazione.

25. Meditando quale sarebbe la verità sulla nostra natura secondo Luigi Pulci?

21. Could we see without being out of the limits,

22. Within the boundaries of reality, without seeking anything?

23. Would it coincide with the total movement of Life?

24. We have dreamed … of solace,

25. Pondering what would be the truth about our nature by Luigi Pulci? 

VI

26. Non esiste nessuna distinzione, che supera la parola, senza essere divisive?

27. Quando sognamo … camminando.

28. Chiedendo se la nostra passione

29. È diversa dalla voce del poeta ieri?

30. Qual’è la solitudine di Poliziano; che è diversa dalla nostra?

 

26. Is there no distinction at all, in excess of the word, without being divisive?

27. When we dream … walking.

28. Wondering if our passion

29. Is different from the poet’s voice of yesterday?

30. What’s the loneliness of Poliziano, is it other than our own? 

VII

31. Cosa c’è di acquisitivo nella nostra conoscenza di Carlo Porta?

32. Lo possiamo capire e ascoltare nel silenzio totale?

33. Senza annunciare una parola al santuario della nostra stanza.

34. Mentre sognamo… una vulnerabilità infinita,

35. Chiedendo silenziosamente qual’è la perversione nel nostro intelletto circa Giuseppe Ungaretti?

31. What is adquisitive about our knowledge of Carlo Porta?

32. Can we understand and listen to him in total silence,

33. Without announcing a word into our inner sanctum?

34. While we dream… about an immense vulnerability,

35. Quietly wondering what’s the perversity in our intellect about Giuseppe Ungaretti?

VIII

36. Era questa l’ignoranza di chi sostituiva il nulla… per il desiderio?

37. Avevamo sognato … della sofferenza

38. Incapaci di resistere al richiamo del buon senso,

39. Senza la certezza della comprensione,

40. Chiedendo se l’incertezza di Torquato Tasso era anche la nostra.

36. Was it the cunning of those who replace desire … for emptiness?

37. We have dreamt … of suffering,

38. Unable to resist the call of sanity,

39. Without the certainty of understanding,

40. Wondering if the uncertainty of Torquato Tasso is also ours. 

IX

41. Sognavamo … quando i pensieri erano assenti

42. Chiedendo se il nostro cuore era diverso da quello di Lorenzo Da Ponte:

43. Un trovatore errante in un globo iniquo

44. Che pregava e raccoglieva elemosina

45. In cambio di pace!

41. We used to dream … when thoughts were absent,

42. Wondering if our heart was different from that of Lorenzo Da Ponte:

43. A wandering minstrel in a world of iniquity,

44. Who prayed and collected alms

45. In return for peace! 

X

46. Era qualcosa del tormento di Salvatore Quasimodo

47. Diversa dalla tristezza per il nostro destino?

48. Avevamo sognato … stando svegli

49. Mentre potevamo vedere in un istante,

50. Che senza la compassione, le lacrime erano incompleti.

46. Was there something of the torment of Salvatore Quasimodo

47. Different from the sadness over our destiny?

48. We dreamed … of being awake.

49. While we could see instantly

50. That without compassion tears were incomplete. 

XI

51. Parla Giovanni Raboni di un amore straordinario,

52. Dove gli opposti non esistono,

53. Una forza manifestata da un movimento indivisibile?

54. Quando sognamo … ad occhi aperti

55. Ponderando se osserveremo il nostro riflesso … al di là delle parole.

 

51. Does Giovanni Raboni speak of an extraordinary love,

52. Where opposites do not exist,

53. A force manifested from an indivisible movement?

54. When we dream … with open eyes.

55. Pondering if we shall observe our own reflection … beyond words.

By Ricardo Morín 05/15/2013

Il Pantheon, Roma: realizzato da Marco Agrippa nel 27 a. C,

Il Pantheon, Roma: realizzato da Marco Agrippa nel 27 a. C,

Il Pantheon, Roma: realizzato da Marco Agrippa nel 27 a. C,

Il Pantheon, Roma: realizzato da Marco Agrippa nel 27 a. C,

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...